Napoleone Bonaparte e Lodi

Il 31 ottobre apre la mostra Napoleone Bonaparte e Lodi. «A Lodi scoccò la prima scintilla della più alta ambizione», a cura di Laura Facchin, Monja Faraoni e Massimiliano Ferrario, in collaborazione con gli studenti del Liceo Artistico Callisto Piazza di Lodi. Fino al 22 novembre 2020

Napoleone Bonaparte e Lodi

Dal 31 ottobre al 22 novembre 2020 la sala espositiva Bipielle Arte ospita la mostra Napoleone Bonaparte e Lodi. «A Lodi scoccò la prima scintilla della più alta ambizione», dedicata all’approfondimento della storia della città lombarda nella fase di governo francese e del suo rapporto con la figura del generale corso, poi imperatore dei francesi. L’iniziativa anticipa i numerosi eventi che, nel 2021, saranno dedicati all’anniversario dei 200 anni dalla morte del Bonaparte.
L’esposizione, curata da Laura Facchin, Monja Faraoni e Massimiliano Ferrario, intende approfondire, partendo dalla specifica realtà di Lodi e della Lombardia, la conoscenza e lo studio del periodo napoleonico, denso di eventi, cesure e cambiamenti di portata internazionale. Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione tra il Liceo artistico Callisto Piazza di Lodi, vincitore, nel 2019, del bando MiBAC “La scuola attiva la cultura”, e importanti istituzioni del territorio: la Fondazione Banca Popolare di Lodi, il Comune di Lodi, l’Ufficio di Piano dello stesso Comune, il Centro di Formazione Professionale Permanente, la Fondazione Maria Cosway, l’Archivio Storico Diocesano, la Diocesi e generosi collezionisti privati.
Il percorso espositivo, ordinato per sezioni cronologiche e tematiche, pone l’attenzione, oltre che sulle testimonianze documentarie e iconografiche della celebre Battaglia e della sua mitizzazione attraverso i secoli, su alcune vicende che caratterizzarono la vita politica, civile e culturale lodigiana e lombarda fra il 1796 e il 1814. Un itinerario caratterizzato da due anime: una storica, illustrata da opere d’arte e documenti di età francese; e una contemporanea, dinamica e vivace, rappresentata dai creativi lavori degli studenti del Liceo, che hanno reinterpretato soggetti e oggetti del periodo, dalla restituzione dei luoghi napoleonici a Lodi, alla moda dell’epoca.

Si informano i gentili visitatori che, per garantire a tutti maggiore sicurezza e al fine di evitare assembramenti:
– l’accesso a Bipielle Arte è limitato a non più di 10 persone contemporaneamente presenti nello spazio espositivo;
– ogni visitatore dovrà accedere con mascherina che copra naso e bocca e mantenere la distanza di almeno un metro dalle persone presenti;
– per consultare i libri al bookshop è necessario igienizzare le mani con il gel disinfettante e indossare guanti monouso su entrambe le mani.
In ogni caso i visitatori con temperatura superiore a 37,5°C, rilevata al momento dell’ingresso, non saranno ammessi all’interno dei locali di Bipielle Arte. Si precisa che il dato della temperatura non sarà in alcun modo registrato nei nostri archivi.