Inserti di storia dipinta

Venerdì 23 febbraio alle 18 viene inaugurata la mostra “Inserti di storia dipinta”, di Carlo Adelio Galimberti, accompagnata da due eventi culturali sabato 3 e sabato 17 marzo. La mostra termina il 18 marzo 2018.

Carlo Adelio Galimberti è stato docente di Discipline Pittoriche nei Licei Artistici, è autore di testi di storia dell’arte, oltre che di molteplici biografie di artisti italiani; collabora con riviste di storia del disegno e dell’incisione antica e moderna e svolge consulenze iconografiche e storico-artistiche per istituzioni pubbliche e private.

Come sottolinea Mario Quadraroli, curatore della mostra, Galimberti, «irrefrenabile creatore di immagini, realizza le sue opere attraverso prelievi, citazioni e rimandi in una dimensione ironica e nello stesso tempo simbolica, di possesso e scambio tra arte e vita. E questo è comunicato non solo dai soggetti dei suoi dipinti, ma anche dalla scelta di lavori dichiaratamente figurativi nei quali Galimberti svela la verità dei processi della sua pittura e il valore del tempo sospeso, elemento chiave della sua ricerca».

Eventi collaterali all’interno dello spazio espositivo

Sabato 3 marzo, ore 17
“Incontro con l’autore Carlo Adelio Galimberti”: presentazione di due volumi
Mogli, garzoni e amanti. Amore ed erotismo nella vita e nell’opera degli artisti del XVI secolo. Ed. Pagliai
Creare, governare, dirigere. Evocazioni antiche per un paese che risorge. Ed. Alinari

Sabato 17 marzo, ore 17
Incontro con il filosofo Umberto Galimberti e presentazione del suo volume “La parola ai giovani. Dialogo con la generazione del nichilismo attivo”
Umberto Galimberti è stato dal 1976 professore incaricato di Antropologia Culturale e dal 1983 professore associato di Filosofia della Storia. Dal 1999 è professore ordinario all’università Ca’ Foscari di Venezia, titolare della cattedra di Filosofia della Storia. Dal 1985 è membro ordinario dell’international Association for Analytical Psychology.